eCommerce: 5 consigli per migliorare la gestione dell’inventario

L’inventario è una tappa obbligata durante la vita aziendale di un eCommerce. Tracciare la merce in magazzino e verificare la corrispondenza tra la situazione reale e quella dichiarata in bilancio non è sempre semplice, soprattutto se alla base vi è una gestione dell’inventario disordinata e approssimativa.

Un inventario attendibile rappresenta un requisito essenziale per ogni eCommerce che si rispetti. Non è, infatti, possibile migliorare la customer satisfaction senza prima dotarsi di un efficiente sistema di gestione delle risorse aziendali in grado di rispecchiare il più possibile la realtà.

Per un eCommerce l’utilità dell’inventario si traduce, dunque, nella concreta possibilità di mantenere il livello di merce invenduta il più basso possibile e garantire un equilibrio nell’attività di gestione delle risorse. Adottando il punto di vista del cliente finale invece, la gestione dell’inventario aiuta gli eCommerce ad assicurare sempre la disponibilità dei prodotti a catalogo riducendo notevolmente i tempi di preparazione e consegna degli ordini.

I vantaggi di un inventario efficiente

La gestione dell’inventario favorisce la tracciabilità di tutto ciò che entra ed esce dal magazzino di un eCommerce. In particolare, l’attività di monitoraggio sul livello di merce presente a scaffale rende le aziende più consapevoli del loro operato e dei risultati che da esso derivano. In tal contesto, l’inventario appare un valido strumento per:

  • Evitare l’accumulo di scorte. Avere il controllo dell’inventario vuol dire garantire l’adeguamento del livello di scorte ai cambiamenti della domanda. Quando la quantità di merce a scaffale risulta eccessiva rispetto alle reali richieste sul mercato, si rischia di anticiparne il deterioramento e rimandare la riscossione dei relativi ricavi.

  • Individuare il punto di riordino della merce. L’implementazione di un sistema solido per la gestione dell’inventario aiuta gli operatori ad avere una visione complessiva del magazzino. La possibilità di conoscere in tempo reale l’esatta quantità di merce disponibile semplifica notevolmente il calcolo del punto di riordino. Prevedere il momento in cui un determinato prodotto si esaurirà elimina del tutto il problema delle rotture di stock e crea sempre le condizioni ottimali per l’utente per finalizzare i suoi acquisti online.

  • Analizzare l’andamento delle vendite e ottimizzare i tempi di produzione. Per capire se un eCommerce ha successo è fondamentale conoscere i clienti. La maggior parte dei KPI su cui occorre basare le proprie analisi tiene conto dei dati raccolti attraverso l’inventario. Ogni prodotto risponde a delle tempistiche di produzione e vendita ben precise, che vanno studiate per offrire al consumatore finale la migliore esperienza di acquisto.

  • Minimizzare i costi di gestione del magazzino. Una pianificazione efficace dell’inventario favorisce un notevole risparmio di costi operativi: manodopera, stoccaggio della merce, sistemi di warehouse management. In tal modo si genera una percentuale di profitto più elevata per l’eCommerce, che può essere trasferita direttamente sul prodotto finale senza necessariamente ricorrere ad un aumento di prezzo.

  • Anticipare la domanda dei consumatori. Saper anticipare le esigenze future dei clienti dell’online è la sfida più grande che gli attuali eCommerce sul mercato sono chiamati ad affrontare. Non tutti sanno, però, che l’inventario rappresenta una valida base da cui partire per intercettare le nuove tendenze. Infatti, la corretta gestione del magazzino aiuta a visualizzare il percorso che ha reso cliente un utente e a tracciare l’insieme delle preferenze che ha espresso verso i prodotti.

    Migliorare la gestione dell’inventario: la guida definitiva

Introdurre un efficiente sistema di gestione dell’inventario è, quindi, fondamentale per gli eCommerce Ecco le 5 best practice da seguire per farlo al meglio:

  1. Assegnare un ordine di priorità ai prodotti

  2. Installare un Warehouse Management System

  3. Impostare punti di riordino automatici

  4. Basare la strategia di inventario sulla tecnologia CRM

  5. Ottimizzare il layout del magazzino in base alle esigenze aziendali

Case Study Sodalis Group

Assegnare un ordine di priorità ai prodotti

Il primo passo per ottenere un inventario ottimizzato è comprendere come la domanda dei propri prodotti si evolve nel tempo. Diversi sono gli strumenti a supporto degli eCommerce manager per condurre ricerche di mercato, approfondire trend di settore e proporre un catalogo strutturato di prodotti popolari. Si pensi a Google Trends che consente di studiare la tendenza di ricerca nel tempo di una keyword o la stagionalità di un prodotto. L’insieme delle informazioni raccolte sul campo possono aiutare gli eCommerce manager a definire una lista di priorità distinguendo:

  • Articoli ad alta rotazione, i best seller del catalogo online. Si tratta di prodotti che vengono venduti rapidamente in ogni periodo dell’anno, senza creare giacenze in magazzino statiche.

  • Articoli a bassa rotazione, i prodotti che restano fermi in magazzino per molto tempo prima di essere venduti o ai quali viene attributo un valore più basso in alcune stagioni.

Una volta individuati i prodotti prioritari, la gestione dell’inventario risulterà più semplice perché le risorse aziendali, compresi i piani di comunicazione, saranno destinate a specifici obiettivi.

Installare un Warehouse Management System

Per garantire che le operazioni di magazzino si svolgano nel modo più agevole possibile è fondamentale dotarsi di un software di Warehouse Management che favorisca il controllo immediato dei flussi di magazzino, delle giacenze e delle attività programmate. L’installazione di un WMS permette una costante sincronizzazione del magazzino con il catalogo dell’eCommerce. In tal modo, ogni volta che l’utente acquista un prodotto, il numero di pezzi disponibili si aggiorna in tempo reale.

Inoltre, attraverso un adeguato Warehouse Management System si ottengono 3 vantaggi fondamentali:

  • tracciabilità garantita

  • stoccaggio e picking ottimizzato

  • minimizzazione degli errori

Impostare punti di riordino automatici

I punti di riordino automatici sono il vantaggio principale che un eCommerce manager può ottenere dall’implementazione di un buon WMS. L’automazione dei punti di riordino consiste nel calcolare il livello ottimale di scorte di sicurezza, ossia il quantitativo minimo di merce per ogni prodotto a catalogo sufficiente a garantire l’evasione tempestiva degli ordini anche in situazioni impreviste. Un sistema automatizzato di gestione dell’inventario utilizza i dati storici di prodotto per elaborare previsioni di vendita e individuare il momento esatto in cui contattare il fornitore per un nuovo ordine o riavviare il ciclo produttivo. Riduzione dei costi di gestione del magazzino e ottimizzazione degli spazi sono solo alcuni dei punti di forza di questo sistema innovativo.

Basare la strategia di inventario sulla tecnologia CRM

Raccogliere dati sui propri clienti non è sufficiente se questi non vengono adeguatamente sfruttati per incrementare la fidelizzazione o addirittura anticipare i bisogni. Favorire l’integrazione tra il CRM, il portale eCommerce e il software impiegato per la gestione dell’inventario è la soluzione. È necessario, però, seguire 3 fasi:

  1. registrare le informazioni che caratterizzano le proprie buyer persona: tipologia e quantità dei prodotti acquistati, frequenza di acquisto, capacità di spesa.

  2. estrarre i dati per comporre piani di approvvigionamento, produzione e vendita customizzati sul profilo della base clienti.

  3. elaborare una lista di prodotti popolari di cui occorre garantire sempre la disponibilità in magazzino.

L’obiettivo finale di questo processo di integrazione tra sistemi consiste nella possibilità di avere sempre accesso a una grande quantità di informazioni, la fonte principale di un vantaggio competitivo sostenibile.

Ottimizzare il layout del magazzino in base alle esigenze aziendali

L’organizzazione dello spazio in magazzino è un altro importante step verso la costruzione di un eCommerce di successo. Infatti, per ottenere risultati economici significativi è fondamentale mantenere il magazzino organizzato secondo regole ben precise. Sono due le funzioni principali che il layout del magazzino deve svolgere nell’ottica di rendere efficiente la gestione dell’inventario di un eCommerce:

  • favorire la rotazione delle scorte, quindi attribuire agli articoli ad elevata rotazione delle aree privilegiate a cui è possibile accedere facilmente, senza rallentare i processi di preparazione dell’ordine.

  • agevolare gli operatori nelle attività quotidiane, attraverso l’utilizzo di dispositivi in radiofrequenza per l’elaborazione dei percorsi verso le postazioni di prelievo o la collocazione degli articoli spesso acquistati insieme all’interno della stessa area.

In generale, ottimizzare il layout del magazzino di un eCommerce significa velocizzare i processi logistici e prepararsi ad affrontare i picchi di domanda, piuttosto frequenti in occasione di promozioni speciali o festività.

Case Study Sodalis Group

Il successo di un eCommerce passa anche da una corretta gestione dell’inventario. La migrazione verso un sistema ottimizzato può essere difficile, soprattutto all’inizio quando non si dispone delle risorse necessarie, ma con il tempo i risultati si manifestano: un elevato grado di customer satisfaction è il parametro da monitorare.

Post correlati