116 117: il numero europeo per i servizi medici di non emergenza

Il 116117 è il numero europeo per accedere ai servizi sanitari non urgenti e di continuità assistenziale, e cioè di bassa intensità e priorità. Il numero armonizzato 116 117 va a sostituire tutti i numeri verdi storicamente presenti: guardie mediche, continuità assistenziale, centri specializzati, numeri verdi di informazione e supporto. Lo scopo alla base della transizione è riorganizzare e centralizzare il servizio un unico punto, facilitando i cittadini nella loro ricerca di informazioni o assistenza. Vi è ora infatti un solo numero da ricordare, uguale per tutti, senza distinzioni regionali.

Secondo le direttive europee il numero 116117 deve avere le seguenti caratteristiche:

  • Disponibile a tutte le persone nel territorio europeo senza previa registrazione.
  • Disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni alla settimana.
  • Deve assistere, aiutare e informare il cittadino.
  • Non deve avere limiti di tempo.
  • Deve essere gratuito.
  • Deve essere raggiungibile da qualsiasi tipo di dispositivo mobile o fisso.
  • I dati personali devono essere trattati nel rispetto della privacy, secondo quanto previsto dal GDPR / 2016 e successive modifiche;

116 117: Il Modello Italiano

L'Italia è in prima linea in Europa nello sviluppo delle Centrali 116 117 e delle loro implementazioni. La Lombardia ha guidato il passaggio dal vecchio sistema, costituito da una costellazione di numeri verdi di assistenza e informazioni, al nuovo numero unico. Sempre la Lombardia ha infatti progettato, pianificato e testato la prima Centrale di Risposta 116 117 nazionale. Nella sua fase sperimentale, questa ha coperto solo una piccola area che è stata successivamente estesa a tutta la regione, che conta dieci milioni di persone. La Centrale lombarda, dunque, servirà da modello per le altre regioni che inizieranno a implementare il servizio nei prossimi anni.

La Lombardia ha scelto di istituire una Centrale Operativa Integrata (COI) in cui operatori laici, cioè non prettamente infermieri o medici, rispondono alle chiamate e forniscono una prima valutazione standard delle esigenze del chiamante. Successivamente, inoltrano la chiamata al corretto medico di Continuità Assistenziale (es. ex Guardia Medica / Turistica), che, autonomamente, gestisce il caso clinico, decidendo su consiglio sanitario o visita domiciliare. Le centrali 116 117 sono collegate a quelle del numero unico di emergenza 112 in modo da permettere passaggi di chiamata rapida se necessario

La centrale, operativa 24 ore su 24, 7 giorni su 7, fornisce anche informazioni e istruzioni ai cittadini che non sanno a chi rivolgersi in caso di cure non urgenti, richieste particolari o domande.

La Centrale Operativa si trova nell'Ospedale Niguarda di Milano e dispone di 38 postazioni di lavoro con postazioni operatore all'avanguardia. Negli orari di massima attività nella centrale sono presenti 25 operatori per la risposta alle chiamate.

La Regione Lombardia è stata la prima ad attivare il servizio, ma sarà presto seguita dalle altre regioni italiane, tra queste le prime contano di essere: Trentino-Alto Adige, Valle d'Aosta, Marche.

116 117: Il ruolo di Beta 80

A tutte quelle centrali di assistenza che si occupano di situazioni non urgenti, ma comunque non differibili, Beta 80 offre la suite Help 1st, volta a fornire una migliore amministrazione delle risorse disponibili. I nostri sistemi permettono di poter contare su un unico punto di accesso come risposta ai bisogni di salute dei cittadini, in un’ottica di continuità della cura.

La mission è quella di garantire un servizio qualificato e inserito nella rete territoriale, favorendo un’integrazione dei servizi di medicina di base, emergenza/urgenza e ospedali.

Case study centrale 116 117 in Lombardia

Post correlati