Magazine / Agile Software Factory
7 ottobre 2020

Perché scegliere i DevOps Services per l'app modernization

Il processo di app modernization porta alla totale revisione delle architetture software, della pipeline di sviluppo e degli attori coinvolti; per questo il ricorso ai DevOps Services forniti da player referenziati e competenti può essere un acceleratore importante per raggiungere gli obiettivi di modernizzazione più velocemente e con maggiore efficacia.

 

La necessità di modernizzare le applicazioni

La tendenza attuale nella progettazione degli ecosistemi IT verte sulle caratteristiche di ibrido e multicloud. Le applicazioni monolitiche tradizionali, pensate per girare in ambienti con logica client-server, devono essere modernizzate per funzionare al meglio all’interno di infrastrutture distribuite.

Alcuni programmi possono essere migrati sulla nuvola senza la necessità di interventi strutturali, in modalità lift and shift; in altri casi invece bisogna attuare modifiche più o meno profonde, che prevedono la riscrittura del codice e l’introduzione di nuovi modelli architetturali.

Entrano in gioco tecniche di sviluppo moderne, con il ricorso a container, microservizi e soluzioni PaaS, che enfatizzano le caratteristiche di portabilità del software e velocità di time-to-market.

 

DevOps service per accelerare i rilasci

La tecnologia però non è tutto: per accelerare il processo di sviluppo e rilascio applicativo, rispondendo alle esigenze del business, serve anche la capacità di riorganizzare i team di progettazione, accentuando la collaboration con gli utenti finali. Da qui l’adozione di metodi di sviluppo Agile (basati su un approccio iterativo e incrementale) e DevOps (che stimolano la sinergia tra Developers e Operations).

Le applicazioni monolitiche venivano pensate e costruite in vista di un unico grande rilascio finale. Oggi l’architettura a microservizi permette di scomporre il software in unità funzionali indipendenti, su cui è possibile intervenire singolarmente senza compromettere il funzionamento del programma.

I microservizi quindi favoriscono il lavoro in squadra di sviluppatori e utilizzatori: il processo di development può essere segmentato in una serie di rilasci piccoli e frequenti, con interventi che modificano solo alcune funzioni, per arrivare gradualmente all’obiettivo finale. Ogni volta che si conclude un ciclo di sviluppo, la modifica viene testata nell’efficacia direttamente dagli utenti finali, che possono trasferire i propri feedback ai developers. Così si accorciano le tempistiche di rilascio e si riduce il rischio di errore, potendo aggiustare la rotta in corso d’opera in caso qualcosa non funzionasse.

 

L’importanza dei DevOps Services

Sia la modernizzazione applicativa sia l’adozione di metodi Agile e DevOps sono operazioni complesse, che richiedono alla base profonde conoscenze in materia di tecnologie e processi. Alle aziende serve maturare un deciso cambio di passo sia sotto il profilo culturale sia a livello di competenze tecniche. Ecco perché la scelta di affidarsi a un team esterno per l’implementazione delle nuove pratiche di sviluppo può risultare vincente.

I DevOps Services infatti portano all’organizzazione una pletora significativa di vantaggi. Innanzitutto permettono al dipartimento IT di adottare modelli realmente sostenibili per l’operatività, la governance e il controllo dei processi di sviluppo. Grazie al know-how accumulato su diversi clienti, il fornitore di servizi DevOps contribuisce a ridurre i tempi di attraversamento delle modifiche applicative, preservando tuttavia la qualità del software e del processo. Le capacità di change management del partner consentono infine di minimizzare i rischi di instabilità della produzione, nonché i conflitti tra i diversi reparti IT.

L’aspetto fondamentale dei DevOps Services è il supporto strategico offerto alle società che stanno iniziando il percorso verso la trasformazione applicativa. Il partner infatti può guidare il cliente verso l’assetto ottimale, scegliendo le componenti e le tecnologie DevOps più consone alla realtà attuale ma rivolgendo sempre uno sguardo all’evoluzione futura. L’azienda avrà così l’opportunità di crescere nell’applicazione delle metodologie DevOps via via che aumentano le richieste del business e il livello di maturità del team IT.

Si evita così il rischio di procedere con l’adozione poco ragionata e non integrata di tool che permettono di ottimizzare solo singoli aspetti del ciclo di vita di una change applicativa, senza tuttavia portare miglioramenti significativi all’intero processo.

 

New call-to-action

Post correlati